Centro Assistenza SlimPay

Flusso di addebito diretto SEPA

Il flusso di addebito diretto SEPA è costituito da 3 fasi principali:

Mandate capture e gestione

Un mandato di addebito diretto SEPA ha una "vita". Una volta che è stato firmato con successo dal debitore, possono verificarsi diversi "eventi" (modifica IBAN, modifica dell'indirizzo fisico, consultazione da parte di terzi, gestione delle prove, revoca ...). È necessario implementare un database dinamico completo e la gestione del flusso.

Gestione degli ordini

Prima di riscuotere il pagamento dalla conto bancario del debitore, alcuni passaggi chiavi devono essere effettuati:

Pre-notifica al Debitore

Il periodo di notifica è pari a 14 giorni ( questo può essere ridotto su accordo con il debitore).

Questa pre-notifica deve includere le seguenti informazioni: il l’ammontare da pagare,  il riferimento di mandato unico  e l'identificativo del Creditore. Non vi é nessun obbligo riguardo al metodo di communicazione, il che significa che questo può essere fatto attraverso un accordo su termini e  

condizioni generali, può essere solo scritto su una fattura, può essere visualizzato in un account cliente online...

Richiesta di pagamento SEPA alla banca


Tale richiesta deve essere effettuata tramite uno specifico file .xml, conforme al formato ISO 2022 e seguendo la corretta sequenza temporale degli addebiti diretti SEPA (Vedi le sequenze temporali dell’addebito diretto SEPA).

Esecuzione delle Transazioni

Questo é la parte effettiva della riscossione, che consiste nella rimessa degli ordini, pagamento su conto segregato ma anche gestione delle transazioni di rifiuto e di reso (addebiti non andati a buon fine).

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 0 su 0